É un periodo in cui mi ritrovo parecchio stanca, lo stress dell’inverno non se ne vuole proprio andare (e il prossimo viaggio non si decide ad arrivare)… perciò stavo pensando: cosa può aiutare in momenti come questi.


Voi che fate? cercate di dormire di più? vi prendete un weekend e partite? andate in palestra a scaricare l’adrenalina? o vi buttate sul divano??

A me viene in mente soltanto una cosa, e cioè quando è possibile vado a camminare. Non che io abiti in mezzo al verde (magari), sto in città, però qualche parco pubblico lo si trova anche qui. Quando ne sento la necessità, cerco di prendermi questo tempo nel weekend, oppure durante la settimana nelle ore più o meno calde della giornata, a secondo della stagione.

La vista dalla Pietra di Bismantova, nel nostro Appennino tosco-emiliano.

La vista dalla Pietra di Bismantova, nel nostro Appennino tosco-emiliano.

Gli effetti benefici del camminare.

  1. innanzitutto, è inutile passeggiare sul marciapiede dei viali sotto casa, respirando una quantità di smog che altro che effetto benefico per la salute.
  2. troviamo un parco cittadino, oppure, ancor meglio, allontaniamoci un poco dalla città,
  3. camminiamo almeno per un’oretta e a passo sostenuto.
  4. guardiamoci intorno, basta girare sempre con lo sguardo a terra rimuginando sulle solite cose: alziamo lo sguardo e reimpiamoci gli occhi del colore VERDE, che è scientificamente provato.. CALMA I NERVI!!

L’effetto benefico del “camminare” secondo me non si percepisce subito; all’inizio sembra esserci solo la fatica, soprattutto per chi come me non è abituato a muoversi troppo. Ma con un po’ di costanza, gli effetti arrivano.

Non solo a casa, anche in viaggio.

Sembra assurdo, ma certe volte, anche in viaggio abbiamo “fretta”.

Dobbiamo vedere questo e quell’altro, e correre di qua e di là. Abbiamo una lista di cose da fare, da vedere e da sperimentare. E quindi per fare tutto ciò è necessario avere un mezzo idoneo che sia veloce, perchè i giorni di ferie, si sa, sono sempre troppo pochi e passano in fretta.

Aereo, auto a noleggio, taxi… ci trasbordano da un posto all’altro, e poi.. siamo stanchi e ci dobbiamo riposare! E se il riposo invece lo trovassimo nel camminare?

Se invece di correre di qua e di là, ripetendo anche in vacanza lo stesso schema della nostra vita di tutti i giorni, ci concentrassimo su un’area più piccola del luogo che siamo venuti a visitare, non importa per quanti giorni, e scoprissimo bene quella lì? Magari in questo modo potrebbero farci comodo quel paio di gambe di cui la natura ci ha dotato, e che non servono soltanto per essere infilate sotto una scrivania.

Camminare non è soltanto un modo per spostarsi da un luogo ad un altro, è un atto “terapeutico”.

Perchè ti obbliga a rallentare, a misurarti con le tue forze: dove arrivi, arrivi, poi se sei stanco ti fermerai.

Perchè ti obbliga a guardarti intorno: a volte le cose più belle e interessanti sono nei piccoli particolari.

Perchè con la vita sedentaria che molti di noi fanno, camminare in vacanza non può farci altro che bene: la mente si svuota e le energie ritornano piano piano, anche se all’inizio può sembrare stancante.

Alcuni dei miei più bei ricordi di viaggio sono legati a delle camminate o passeggiate nella natura.

iguana-delicatissima

Le iguane di Petite Terre

…il giro a piedi di questo isolotto dell’arcipelago della Guadalupa, nei Caraibi, ci ha permesso di osservare questa rara specie di iguane.

Camì de Ronda sottocosta per raggiungere la Playa de Sant Pol

Camì de Ronda sottocosta per raggiungere la Playa de Sant Pol

..in Costa Brava, i Camì de Ronda permettono di passeggiare sottocosta di spiaggia in spiaggia, in mezzo ad una natura e con panorami spettacolari!

lanzarote-camminare

Lanzarote, a piedi fino alle spiagge del Papagayo..

.. lo scorso novembre a Lanzarote, una delle cose più belle è stata poter andare a piedi fino alle meravigliose spiagge del Papagayo, circa 45 minuti a piedi dal nostro alloggio a Playa Blanca!

E, a proposito di spiagge, non posso non ricordare i sentieri della Trace des Caps, che nel sud della Martinica ti portano di spiaggia in spiaggia, attraversando anche le mangrovie.

Trace des Caps, martinica

Trace des Caps, Martinica

Oppure che ne dite di fare un giro in questa foresta tropicale? (sempre Guadalupa)

Guadalupa camminare nella foresta tropicale

Guadalupa camminare nella foresta tropicale

O di prendere un sentiero un po’ più ardimentoso in Nuova Caledonia che vi porterà ad una cascatella in cui poi rinfrescarvi?

Camminare in Nuova Caledonia: sentiero per la cascata di Tao.

Camminare in Nuova Caledonia: sentiero per la cascata di Tao.

Ma la più mitica di tutte per noi è stata questa: il sentiero per salire all’Eremo di San Juan de Gaztelugaxte, nei Paesi Baschi. Una fatica boia ma anche una gioia immensa 🙂 (dopo ci siamo fatti anche una bella scorpacciata di pintxos!)

La camminata per raggiungere l'Eremo

La camminata per raggiungere l’Eremo

E la vostra passeggiata o camminata più bella quale è stata?