Una scia bianca nel cielo sopra di me, sta passando un aeroplano, alzo la testa per seguirlo finchè è possibile.. quante volte sarà capitato anche a voi? Io alzo sempre la testa ed inizio a sognare.

Veder passare un aeroplano fa sognare di posti lontani e, per chi non ha paura di prendere un aereo, fa venir voglia di partire.

Io adoro volare, mi da una sensazione positiva che inizia già fin da quando metto piede in aeroporto, prima della partenza; tutte le formalità da sbrigare, il check-in, il controllo passaporti, l’attesa al gate.. É tutto un rituale al quale mi sottopongo volentieri e che genera in me aspettative e curiosità: il volo sarà in orario? sarà pieno o sarà vuoto? la persona che mi sarà seduta vicina come sarà?

É una piccola avventura che comincia, un viaggio dentro al viaggio, non soltanto un modo per raggiungere una destinazione.

Volare è come farsi cullare dalle braccia di qualcuno molto più grande di te, e al quale, in quel momento, ti devi abbandonare, devi fidarti completamente; perciò io mi rilasso completamente quando sono a bordo, e lascio la mia mente spaziare: pensieri sulla vita, sul destino, sul futuro e sul passato. E poi osservo la gente che condivide con me questo breve spazio temporale, una piccola e ben organizzata comunità di perfetti sconosciuti che, per molte ore o pochi minuti, deve condividere tutto, dall’aria che respira, alla tavoletta del wc, al destino stesso.

La velocità alla quale l’aereo si  sposta è elevatissima, posso osservare il nostro pianeta Terra che scorre silenziosamente sotto di me, ma in effetti sembra di essere perfettamente fermi.

É un momento di sospensione da tutto, in cui io, che a volte sono addirittura tentata di farmi taggare nei luoghi in cui mi trovo, per una volta non mi trovo da nessuna parte; per una volta, non sono in nessun posto preciso e quindi… sono ovunque. É una sensazione meravigliosa.

eeeeeee… Ops.. all’improvviso i pensieri che hanno animato questo breve momento si sciolgono come neve al sole: che succede? ecco qua, ho appena messo fuori il piede sulla scaletta dell’aereo.

… bentornati sulla Madre Terra…………….  e grazie per aver volato con me 🙂