ItaliaItinerari

Borghi e castelli della Lunigiana: itinerario tra Lusuolo, Caprigliola e Fosdinovo

La Lunigiana è un territorio tra l’alta Toscana e la Liguria ricco di borghi e di castelli da scoprire, a lungo terra di feudi e di contese tra genovesi e fiorentini a causa della sua posizione strategica, attraversata dalla via Francigena, l’importante via di comunicazione che collega Roma con il Nord Europa. Questo territorio, che oggi si divide tra le province di La Spezia e Massa Carrara, e di cui in epoca altomedievale furono signori i Malaspina, si presta a dei bellissimi itinerari. In questo articolo ve ne suggerisco uno – fattibile anche in una giornata – in cui visiterete due castelli (uno minuscolo e l’altro molto più grande) e tre borghi, tutti situati in posizioni strategiche del territorio.

Il Castello di Lusuolo

Se come me raggiungete la Liguria attraversando il passo della Cisa, poco prima del casello autostradale di La Spezia, nel comune di Mulazzo, sulla destra vedrete una rocca ed un borgo che s’innalzano lungo una linea di crinale, in posizione elevata: è Lusuolo. Per anni siamo passati di lì percorrendo l’autostrada dicendo: prima o poi lo visiteremo questo castello, ed infine eccoci qua, ci siamo andati. 🙂

Come molti degli edifici medievali della Lunigiana, anche il castello di Lusuolo era di proprietà dei Malaspina, e la sua posizione era particolarmente strategica trovandosi sulla riva destra del fiume Magra e con la via Francigena che gira proprio attorno al borgo ed al castello (la stessa strada che dovrete percorrere per arrivarci). Distrutto dai genovesi nel 1449, per cui dell’edificio originale non rimane quasi nulla, il castello è stato recentemente ristrutturato ed è visitabile nei weekend durante i mesi estivi. Le mura del castello si articolano intorno ad un cortile interno con un pozzo e la vista è molto bella sulla valle circostante (e sull’autostrada!).

Molto interessante il Museo dell’Emigrazione della gente toscana, visitabile a piano terra, dove sono raccolte le memorie di quanti hanno lasciato queste terre alla ricerca di un futuro migliore. Fate due passi anche per il borgo, che è veramente minuscolo ed ha soltanto una dozzina di abitanti.

Come arrivare a Lusuolo: uscite al casello di Aulla, Lusuolo si raggiunge in circa 20 minuti.

Attenzione: il castello di Lusuolo è visitabile soltanto d’estate, nei weekend dalle 15 alle 19. Se per ragioni logistiche non riusciste a visitare questo castello, vi consiglio il vicino Castello Terrarossa di Licciana Nardi.

Il borgo di Caprigliola e la Torre cilindrica

Ad appena una ventina di minuti in auto da Lusuolo, vi consiglio di visitare il borgo di Caprigliola, nel comune di Aulla, che si trova sulla sponda opposta del fiume Magra. Anche questo borgo, le cui origini risalgono al XII secolo, è situato in posizione sopraelevata e strategica a controllo del fiume e del passaggio sulla via Francigena. La bellezza di questo borgo fortificato si intuisce già mentre si sale verso l’abitato, che si presenta con alte mura ed una facciata compatta di case terratetto, dai diversi colori. Le prime fortificazioni, che risalgono al XII secolo, vennero ampliate in epoca medicea quando il borgo passò sottto il territorio della Repubblica di Firenze.

caprigliola
Caprigliola

I monumenti di maggiore interesse sono la Torre di avvistamento a base rotonda (una delle poche nel suo genere in Lunigiana) e la chiesa di San Niccolò, ex-palazzo arcivescovile dei vescovi della vicina Luni, che si trovano nella parte superiore del borgo. L’entrata al borgo è dalla piazza della Porta, dove si trova anche l’unico punto di ristoro che abbiamo visto in tutto il paese, un bar; lasciate l’auto nel parcheggio esterno e proseguite a piedi. Su indicazione di una persona del posto, abbiamo visto anche quel che rimane della prima chiesa del X secolo, che si trova leggeremente più in basso rispetto alla Torre (prima di arrivare sulla piazza della chiesa, girate a sinistra). Attualmente la Torre non è visitabile all’interno.

Meraviglioso infine il panorama sulla vallata e purtroppo su quel che resta del ponte stradale che collegava Caprigliola alla vicina Albiano Magra, crollato l’8 aprile 2020 in pieno lockdown da Covid. Di solito questo è un ponte molto trafficato ma, dato che in quel periodo c’era ben poca gente in giro, fortunatamente non ci sono state vittime; non si sa se e quando verrà ripristinato. Dopo aver visitato Lusuolo e Caprigliola dirigetevi verso Fosdinovo, sono circa 25 minuti in auto.

Fosdinovo, il Castello ed il suo fantasma

Ultima tappa della giornata è il castello di Fosdinovo, uno dei più belli della Lunigiana, che si erge con una vista mozzafiato a 360 gradi tutt’intorno, tra le Alpi Apuane ed il mar Tirreno. Questo Castello è ancor oggi di proprietà degli eredi della famiglia Malaspina, è stato ampiamente restaurato ed ospita un Museo ed eventi culturali. É visitabile tutto l’anno con visite guidate di circa un’ora.

Durante la visita guidata potrete visitare alcune delle stanze interne, compresa quella che si presume fosse la stanza di Dante Alighieri, quando venne ospitato al castello, e la stanza del Trono. Qui vi verrà raccontata la storia del fantasma di Bianca Maria Malaspina, la sfortunata figlia del marchese Giacomo che a metà del 1600 venne murata viva per essersi ribellata al volere del padre che la voleva suora in convento (e perchè pare avesse un amante stalliere).

fantsma di Fosdinovo: la vedete
la figura femminile?

Nella stanza del Trono, se alzate gli occhi al soffitto, la sua figura sembra palesarsi in un alone in cui pare di intravedere una figura femminile assieme ad un cane ed un cinghiale, esattamente i due animali con i quali venne murata viva la ragazza. Questa che, fino a qualche decennio fa, si credeva essere soltanto una leggenda pare sia in realtà una storia vera, dato che nel 1980, in fase di ristrutturazione di un’ala del castelllo, vennero ritrovati i resti di una donna e di due animali, quindi chissà che il suo fantasma non vaghi veramente per le stanze del castello, sono in molti ad affermare di averlo visto.

Chissà, magari se deciderete di fermarvi a dormire qui alla fine dell’itinerario – dato che il Castello oltre che essere una fortezza è anche un Bed and Breakfast – potreste incontrarla anche voi! 🙂

Per la cena (o per il pranzo) invece vi consiglio il vicino agriturismo La Burlanda, che offre ristorante tipico con prodotti a km zero e vista panoramica sulla vallata; ci sono stanze per pernottare anche qui, in caso abbiate troppa paura del fantasma!!

Per tutte le info accurate vi consiglio di consultare il sito ufficiale: Castello di Fosdinovo.

Per tutte le info sui castelli della Lunigiana visitate il Sito ufficiale.


Ed il giorno seguente? se fate questo itinerario in un weekend potreste proseguire l’indomani con la visita al vicino paese di Colonnata (25 minuti da Fosdinovo), nelle Alpi Apuane, dove è possibile visitare una cava di marmo ed assaggiare il rinomato lardo di Colonnata, uno squisito salume IGP che si produce solo qui (nel prossimo articolo vi parlerò di Colonnata!)



Non perderti altri contenuti come questo!
Iscriviti per ricevere notifiche istantanee ad ogni nuovo articolo!

2 Commenti

Cosa ne pensi? dicci la tua

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: