CanarieEuropaItinerariSpagna

Tenerife, itinerario nel nord ovest tra Garachico e Masca

Un itinerario interessante da fare in auto a Tenerife è quello in direzione della costa nord ovest dell’isola dove si trovano alcune belle spiagge e cittadine costiere. Durante il nostro viaggio di dicembre 2022 ne abbiamo fatto uno con partenza da Playa San Juan (dove soggiornavamo) fino a Garachico all’andata e al ritorno passando per Masca, attraversando il Parque Rural del Teno.

All’andata: dalla costa sud verso Garachico, tappe e punti di interesse

I principali punti di interesse lungo questo percorso sono i mirador da cui osservare il panorama. Il tempo di percorrenza è di circa un’ora/un’ora e mezza (partendo da Playa San Juan), escluse le soste, su una strada con alcuni tratti in pendenza ma perfettamente percorribile da qualsiasi tipo di autovettura.

  1. Acantilados de Los Gigantes
scogliere los gigantes tenerife
Acantilados di Los Gigantes

Partendo da Playa San Juan si prende la strada costiera TF-47 che porta a nord, la prima tappa dell’itinerario sono Le Acantilados, alte e spettacolari scogliere a picco sul mare, ai piedi delle quali si trova la nota località turistica di Los Gigantes; per ammirarle fermatevi in uno dei viewpoint sulla strada in alto, senza scendere nel paese.

  1. Santiago del Teide/Mirador del Teide

Lasciata Los Gigantes imbocchiamo la strada principale TF-1, la tappa successiva è la cittadina di Santiago del Teide, porta d’ingresso al Parque Rural del Teno. Noi qui però non ci siamo fermati ed abbiamo imboccato la TF-82 fermandoci un altro mirador da cui si vede la campagna tutt’intorno e la vetta del vulcano Teide in lontananza. Non pensavo che Tenerife fosse un’isola così verde!

mirador del teide tenerife
Mirador del Teide
  1. Charcas de Erjos

Zona umida di stagni bella per passeggiate, ci sono diversi percorsi di varia lunghezza, noi abbiamo parcheggiato l’auto e fatto due passi.

  1. Mirador de Garachico

Si prosegue in direzione di El Tanque, lungo la strada s’incontrano diversi ristoranti se per caso vi è già venuta fame, e al bivio dopo la cittadina bisogna prendere la TF-421 in direzione di Garachico, la strada è panoramica ed è tutta un tornante, con diversi viewpoint spettacolari sulla costa e sulla cittadina.

  1. Restaurante Ribamar (Las Honduras)

Giunti al termine dei tornanti, invece di puntare dritto su Garachico, noi ci siamo fermati in località Las Honduras, perché vi era segnalato un ristorante sul mare con ottime recensioni, vi consiglio di fare questa deviazione e pranzare qui (se non vi siete fermati già prima 🙂 ).

In due persone, per un piatto di calamari fritti, un filetto di pesce con arrugadas (patate cotte in acqua salata e servite con la buccia, una specialità delle Canarie), caffè, bevande e dolce abbiamo speso la folle cifra di.. 37 euro! Metto la foto dello scontrino perché non riuscivamo a crederci neanche noi, a Tenerife se rimanete al di fuori dei soliti posti turistici, si mangia benissimo con poca spesa.

  1. Garachico

E finalmente dopo pranzo ci apprestiamo a visitare Garachico. La maggiore attrattiva di questa graziosa cittadina sul mare sono le piscine naturali denominate El Caleton, che sorgono fra le nere rocce di quel che rimane dell’eruzione vulcanica che nel 1706 distrusse la cittadina, la quale, fino a quel momento era stata il più importante porto commericale di Tenerife. Dove la colata lavica arrivò fino al mare oggi sorgono stabilimenti balneari, ristoranti e le persone si tuffano a fare il bagno.

Dopo aver lasciato l’auto nel parcheggio a pagamento del campo da calcio, ci incamminiamo quindi sul lungomare fra queste piscinette naturali, ma il mare mi sembrava troppo mosso (e freddo) per fare il bagno, anche se qualcuno che si tuffa si trova sempre. Archiviata l’idea di fare il bagno raggiungiamo il centro storico di Garachico incamminandoci per le strade acciottolate in direzione di Plaza Libertad, dove l’edificio principale è il convento di San Francesco. Quello che attira lmaggiormente l’attenzione però è il presepe con alte statue a grandezza d’uomo, il che ci ricorda che nonostante i 30 gradi siamo pur sempre a pochi giorni da Natale!

Al ritorno: da Garachico a Masca e rientro sulla costa sud

A metà pomeriggio lasciamo Garachico per prendere la strada del ritorno, ci aspettano altre due belle tappe, lungo una strada diversa da quella dell’andata. Imbocchiamo la TF-42 in direzione Buenavista del Norte, svoltando poi per El Palmar/Masca. Rispetto al viaggio di andata, in questo tratto la strada s’inerpica molto di più, con tornanti stretti, all’interno del Parque Rural del Teno.

Ecco le due soste che abbiamo fatto lungo il percorso:

  • Mirador Altos de Baracan

Situato a quota 800 metri, dove la vista spazia tra i numerosi barrancos (dirupi) da un lato fino al mare sul versante opposto è senza dubbio il punto panoramico più spettacolare dell’intera escursione. Questa zona – come tutto il Parque del Teno – presenta numerose possibilità di praticare trekking e sentieri escursionisti, qua ne potete vedere un esempio.

altos de baracan tenerife
Altos de Baracan
  • Mirador di Masca

Il piccolo villaggio di Masca è infine l’ultima tappa di questo itinerario, che si ricongiunge ad anello a Santiago del Teide. La strada per raggiungere Masca da Buenavista del Norte è il tratto più impegnativo dell’intera escursione, stretta e con curve a gomito ma perfettamente asfaltata, è necessario stare attenti nell’incrocio con altri veicoli, noi ci siamo imbattuti in un autobus finito fuori strada, non sembrava successo nulla di grave però mi ha fatto una certa impressione, ecco.. 🙁

masca tenerife
Vista sul villaggio di Masca dal Mirador

Masca si trova in una posizione isolata e panoramica, sul crinale dell’omonimo barrancoescursione di trekking per esperti – e anche da qua si possono ammirare viste magnifiche sul mare e sulle montagne. Si può scegliere se scendere fino al paese per fare due passi oppure ammirarlo dall’alto di uno dei mirador, come quello dove ci siamo fermati noi dove si trovano un piccolo punto di ristoro ed una chiesetta.

L’itinerario prosegue e si conclude al nostro punto di partenza, Playa San Juan. Ci sarebbe piaciuto percorrere anche il tratto costiero che da Garachico va fino a La Orotava, ma sarà per la prossima volta, i nostri giorni sull’isola per questo viaggio sono stati veramente pochi, alla prossima Tenerife!


Leggi anche: Tenerife a dicembre, in fuga dall’inverno

Cosa ne pensi? dicci la tua

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.