Come scegliere il tour migliore per fare snorkeling sulla Grande Barriera Corallina australiana? da dove partire?

Se si viene in viaggio nel Queensland – come abbiamo fatto noi lo scorso dicembre – non può mancare un’uscita in barca per fare snorkeling sulla Barriera Corallina. Cairns, nel Nord Tropicale – è il principale punto di partenza per questo tipo di escursioni, ma non è l’unico nel Queensland, ed i tour tra cui scegliere sono tantissimi.

Come trovare quello che fa più al caso vostro? non è così immediato. In questo articolo vedremo quali sono le cose da valutare per scegliere e da dove si può partire per fare escursioni sulla Grande Barriera Corallina australiana.

Prima di tutto vi direi:

non prenotate il primo tour che capita o soltanto quello che costa meno

Valutate innanzitutto queste due cose:

  • 1. v’interessa solo fare snorkeling o volete anche poter prendere parte ad altre attività?

Alcune imbarcazioni, infatti, dispongono di pontili al largo sulla barriera che agevolano l’entrata in acqua e propongono una miriade di altre attività acquatiche e non; queste sono le escursioni in genere più costose. Nella nostra era previsto il tour in sottomarino e la presenza del biologo marino per tutta la giornata, dipende se v’interessano o meno queste cose.

  • 2. siete buoni nuotatori oppure siete un po’ spaventati dall’idea di buttarvi in acqua sulla barriera in alto mare?

Se non avete mai fatto snorkeling in vita vostra, o se avete poca esperienza (come me) potreste scegliere un tour in cui l’entrata in acqua sia agevolata, come a Michaelmas Cay che si trova sull’inner reef (la barriera più vicina alla costa). Diversamente, la maggior parte dei tour vi porteranno sull’outer reef, dove sicuramente la barriera è più ricca di vita ma il mare può essere più impegnativo perchè meno calmo.

catamarano snorkeling grande barriera corallina

Il catamarano di Ocean Spirit Cruises

Quanto costa un’escursione in barca?

I prezzi dei tour in barca variano dai 90 ai 150 euro a testa, circa, per l’intera giornata, a seconda di cosa è compreso, quindi certo non sono a buon mercato. Cosa incide così tanto sul costo dell’escursione?

Come dicevo prima, sicuramente il numero di attività comprese oppure che potete aggiungere pagando un extra.

Ad incidere sul prezzo inoltre concorrono anche altri fattori:

  1. la grandezza dell’imbarcazione stessa (meno persone porta, più è costosa e più starete larghi)
  2. la velocità del mezzo (più è veloce e prima arriva sulla barriera, in modo che avrete più tempo a disposizione per lo snorkeling).

É possibile fare escursioni di snorkeling diverse da quelle in barca intera giornata?

Sì, è possibile fare escursioni anche di sola mezza giornata per esempio a Green Island (un’isola-resort al largo di Cairns): qui troverete un po’ di corallo per fare snorkeling dalla riva, ma l’isola non si trova sulla barriera corallina.

Oppure potreste prendere parte ad escursioni di più giorni in barca a vela, oppure ad una in cui dormire sul reef su una struttura apposita dove passerete la notte in sacco a pelo sotto le stelle (come per esempio alle Whitsundays).

É possibile arrivare sul reef con mezzi diversi dalla barca?

Sì, esistono tours che vi fanno arrivare sul reef in elicottero e poi rientrare in barca!

Ci sono isole su cui si può soggiornare per più giorni sulla Barriera Corallina?

Sì, se volete fare questa esperienza vi consiglio di prendere in considerazione Lady Elliott Island, un atollo corallino sul quale è presente un eco-lodge dove pernottare. Qui si può fare snorkeling, nuotare con le mante e le tartarughe.

Ci sono poi molte altre isole al largo della costa del Queensland, alcune sono isole-resort come Fitzroy Island o Orpheus Island, ed è sicuramente possibile fare un po’ di snorkeling anche su queste isole, ma la maggior parte non si trovano sulla Grande Barriera Corallina, bensì tra la costa e la barriera. Lady Elliott è una delle pochissime isole sulla quale è possibile soggiornare situata SULLA Grande Barriera Corallina.

Un’altra isola è Heron Island, anch’essa come Lady Elliott con un resort molto spartano, d’altronde nel bel mezzo della Grande Barrierra corallina non si può pretendere che una struttura non lo sia e che non metta al primo posto l‘ecosostenibilità piuttosto che i servizi di lusso.

stinger suit australia

La sottoscritta “tutinata” prima di entrare in acqua sulla barriera

Cosa portare in un tour di un giorno sulla Barriera Corallina? Cosa è incluso?

In genere un cambio di vestiti e di costume da bagno e i vostri asciugamani, oltre che crema solare, cappello e occhiali da sole, sono le uniche cose che vi serviranno, tutto il resto lo troverete a bordo, che sia a pagamento o incluso nel prezzo. Le bevande – ad eccezione dell’acqua non in bottiglia – di solito sono escluse dal prezzo del tour e le potete acquistare a bordo al bar.

É necessaria una muta per entrare in acqua?

A bordo viene fornita (di solito gratuitamente) una tuta in lycra anti-medusa (la stinger suit); non è obbligatorio indossarla ma è fortemente consigliato. Non è la stessa cosa di una muta subacquea, ma anche questa può fornire una protezione. Anche pinne, maschera, boccaglio e giubbotto salavagente vengono forniti a bordo.

Se non mi trovo a Cairns è possibile fare un’escursione sulla Grande Barriera Corallina?

Sì. I punti principali da cui partire per un’escursione sulla Barriera Corallina sono 3:

  • Cairns e Port Douglas (a un’ora a nord di Cairns) per la Grande Barriera del Nord
  • Airlie Beach e le Whitsundays, che hanno un reef proprio
  • le città di Seventeen Seventy, Bundaberg e Agnes Water per la Grande Barriera del Sud

Dove posso prenotare il mio tour in barca sulla Grande Barriera Corallina?

Direttamente sul sito web ufficiale delle diverse imbarcazioni da crociera oppure su siti come Get Your Guide  in cui si possono vedere e confrontare tanti tour diversi, e prenotarli direttamente. Poi vi consiglio di leggere le recensioni dei vari tour su Tripadvisor, in questo caso possono essere veramente molto utili.

heart reef whitsundays

Heart Reef Whitsundays

Crociere con partenze da Cairns, Grande Barriera del Nord

Passions of Paradise: il tour in catamarano a vela vi porta su due location differenti come reef, partenze anche da Port Douglas.

Ocean Spirit Cruises: Vi porta a Michaelmas Cay, un atollo di sabbia della barriera interna (leggi la mia esperienza con questa crociera)

Nautilus Aviation: organizza il tour in elicottero per farvi sorvolare dall’alto la barriera, poi vi lascia su un grande pontile attrezzato, dove potrete fare asnorkeling e ritornerete in barca.

Sea Star Cruises: offre una crociera simile a quella che ho fatto io, con la differenza che l’imbarcazione è più piccola e più veloce, ed il pomeriggio invece di rimanere a Michaelmas Cay si salpa per alcune ore sull’outer reef, praticamente due esperienze in una (in realtà era questa la crociera che avevo scelto di fare ma purtroppo non c’era posto, sigh)

Great Adventures : offre alcuni fra i tour più gettonati da Cairns, compresi quelli di mezza giornata ed i combinati fra più tipi di esperienze, per esempio: Green Island + Outer Reef.

Cairns Dive Adventures: su questo sito si trova una panoramica di tutte le escursioni disponibili ed è quindi possibile confrontarle fra loro per farsi un’idea.

Crociere per il reef con partenze da Airlie Beach, Whitsundays

La principale compagnia è la Cruise Whitsundays, che offre un tour per lo snorkeling vicino ad Heart reef, un pezzo di reef dalla forma a cuore, sia giornalieri sia con pernottamento sul pontile sotto le stelle. Potete prenotare queste crociere sia direttamente sul loro sito che su Get Your Guide.

Crociere con partenze da Seventeen Seventy, Agnes Water e Bundaberg (Grande Barriera del Sud).

Le principali destinazioni per lo snorkeling nella Barriera del sud sono due: Lady Elliott Island e Lady Musgrave.

Lady elliott Island ed il suo reef

Lady Elliott Island ed il suo reef – credits Wikipedia

La prima è un atollo corallino cui è presente un eco-lodge dove pernottare. Si trova nel punto più a sud della Grande Barriera e si raggiunge soltanto in aereo da Bundaberg o da altre località vicine. É indispensabile prenotare con molto anticipo perchè i posti qui sono veramente limitatissimi. Lady Elliott si può fare anche in giornata – sempre in aereo – ed il costo si aggira intorno ai 250 euro a testa (mi ero informata ma non avevo trovato posto). Per prenotare consultate direttamente il sito di Lady Elliott Island.

Lady Musgrave invece è sempre un atollo corallino, ma non ci sono possibilità di pernottamenti;  dista circa due ore di navigazione dalla costa e si può raggiungere in escursione in barca da Bundaberg con Lady Musgrave Experience, oppure dalla cittadina di 1770 con 1770reef.

Siti utili per organizzare il soggiorno nel Queensland e saperne qulcosa di più sulla GBR

Great Barrier Reef

Queensland

Vi lascio con questo bellissimo video della Lonely Planet sulla Grande Barriera Corallina e le Whitsundays. Se vi interessa leggere qualcosa di più sulla mia esperienza in Australia qua ci sono tutti gli articoli >>