Come sono le spiagge della Riviera Maya in Messico? Il problema delle alghe, o meglio del sargasso, persiste?

Sono da poco tornata da un viaggio nello Yucatan e tenterò di descrivervi la situazione che ho trovato a inizio dicembre 2018. Innanzitutto cerchiamo di capire un attimo cos’è questo fenomeno del sargasso.

Cos’è questo problema dei sargassi?

Il sargasso è un’alga oceanica di colore marrone che normalmente fluttua portato dalle correnti. Costituisce anche l’habitat naturale per una serie di creature marine.

Il problema è che, circa dal 2011 ad oggi, questo fenomeno è aumentato a dismisura causando difficoltà mai viste in precedenza alle zone costiere del golfo del Messico e di molte isole dei Caraibi.

L’aumentata proliferazione di questa alga pare che dipenda da due fattori:

  • aumento delle temperature del mare (riscaldamento globale)
  • inquinamento dovuto allo sversamento in mare di fertilizzanti agricoli che tendono a concimare queste alghe e farle crescere ancora di più.

Problemi che il sargasso può portare a esseri umani ed animali

Problemi di salute. Quando i sargassi arrivano sulle coste si depositano ed iniziano a marcire, emanando sostanze tossiche, che possono essere irritanti per le vie respiratorie. Ne ho avuto esperienza io quando – durante il nostro itinerario nello Yucatan – siamo arrivati a El Cuyo, sul golfo del Messico, ed abbiamo trovato questo:

red tide gulf of mexico

El Cuyo Golfo del Messico sargasso

Il mare era rosso e l’aria era irrespirabile, ve lo assicuro, io mi stavo molto preoccupando anche perchè avevamo un alloggio direttamente sulla spiaggia. Per fortuna nei giorni seguenti la situazione è migliorata nettamente.

A causa di questa red tide in Florida quest’anno sono morti molti animali marini, tra cui pesci, dugonghi e tartarughe che non riescono più a raggiungere le spiagge per nidificare.

Problemi economici. L’impatto negativo che questo fenomeno sta avendo sull’economia locale legata al turismo è molto forte, i visitatori se ne vanno, o cambiano destinazione.

La “stagione” dei sargassi nei Caraibi.

Io sono partita dall’Italia per il mio viaggio in Messico il 29 novembre, quindi quello che mi aspettavo era di non trovare questo problema, dato che informandomi nei vari forum sul web avevo letto che il fenomeno riguarda i mesi più caldi, da febbraio a ottobre-novembre.

E invece non è così, ragazzi miei. Io sono rimasta di gesso.

Non ho idea se le persone non dicano – o non sappiano nemmeno loro – la verità, se si cerchi di minimizzare il problema per arginare le conseguenze che ha sull’economia, se dipende dalle correnti e dal maltempo, o se la situazione sta semplicemente peggiorando, come afferma anche questo articolo:

Alarma hotelera en el Caribe: gran arribo de sargazo llegará en 2019

Sta di fatto che i sargassi quindi ci sono anche a dicembre, cioè in pieno inverno.

A volte su alcune spiagge, come qua a Puerto Morelos, ho visto più sargasso che spiaggia:

puerto morelos messico alghe

Puerto Morelos beach

Altre volte non era possibile entrare in mare, perchè le alghe si depositano non solo sulla spiaggia ma fluttuano in mare vicino al bagnasciuga. E tu resti lì a guardare.

xcacel beach mexico seaweed

Xcacel beach

Cosa viene fatto per arginare il problema del sargasso nello Yucatan?

In alcune località, e dove ci sono le strutture turistiche, si lavora molto per ridurre i disagi e cercare di dare alla spiaggia un aspetto decente. Per esempio, sul tratto di spiaggia dell’hotel in cui abbiamo dormito a Playa del Carmen (le ultime due notti del viaggio) erano presenti almeno 3 addetti che ogni giorno rastrellavano, pulivano e cercavano di arginare con sacchi di sabbia. Un lavoro immane, una specie di lotta contro i mulini a vento.

In altre località meno turistiche, o dove le spiagge sono naturali, nulla viene fatto.

Le buone notizie: spiagge belle e quasi pulite sulla Riviera Maya

Akumal beach (quella delle tartarughe): pulita e con acqua quasi cristallina. Facendo snorkeling ho nuotato con ben tre tartarughe, anche senza andaree oltre le boe, molto vicino a riva.. che dire, grande gioia! Se volete soggiornare qui, su questa spiaggia trovate il costosissimo hotel Secrets Akumal, dove anche solo noleggiare un ombrellone e due lettini può costare 140 euro al giorno (abbiamo chiesto!!), ma di fianco sempre in eccellente posizione c’è anche il più abbordabile Akumal Caribe.

akumal beach messico

Akumal beach

Xpu-Ha: bellisima spiaggia libera (si accede dalla carretera Tulum-Cancun pagando una piccola quota per passare con l’auto), con poche costruzioni e quasi zero sargasso. Se dovessi tornare in Riviera Maya, sicuramente cercherei un alloggio su questa meravigliosa spiaggia, come per esempio nel resort Catalonia Royal Tulum oppure all’Esencia, un hotel di lusso in stile tradizionale coloniale, giudicato uno dei migliori 25 hotel del mondo dalla rivista Condè Nast Traveler.

xpu-ha beach messico

Xpu-ha beach

Playa Pescadores, Tulum: mare meno bello di Xpu-ha ma comunque non male, viene effettuata anche un po’ di pulizia della spiaggia. Sabbia bianca e fine.

playa pescadores tulum messico

playa pescadores

Conclusioni.

Noi ci siamo divertiti molto durante questo viaggio, abbiamo girato, fatto il bagno nei cenote e visitato rovine maya, ma per quanto riguarda i bagni in mare io ne ho fatti soltanto 4 in 17 giorni, vedete un po’ voi.

Il fatto che come turisti rischiamo di “rovinarci” la vacanza a causa dei sargassi qua è sicuramente il minore dei problemi, viste le tante implicazioni del fenomeno. Resta però da considerare il fatto che se si cerca un mare bello pulito da godersi per le tanto sospirate vacanze è inutile fare gli ipocriti, bisogna ammettere che le spiagge dello Yucatan sono rovinate.

Certo, mica le ho viste tutte, non sono stata sulle isole come Cozumel ed Isla Mujeres per esempio, però credo di avere girato e visto abbastanza, e quindi a chi oggi mi chiedesse:

vale la pena di andare in Messico per il mare? mi sentirei di rispondere di no.

Se decidete di venire nello Yucatan ugualmente quindi fate in modo che:

  • il vostro alloggio abbia anche la piscina, così almeno una nuotata ve la fate lì;
  • girate e visitate i meravigliosi cenote, si può fare snorkeling ed è un’esperienza meravigliosa
  • scegliete un alloggio che non sia proprio fronte mare, così almeno evitate di sentire la forte puzza

Qualche esperienza diversa sullo Yucatan? raccontatemela! (ho bisogno di conforto) xxxxx 🙁


Alcune fonti:

https://oceanexplorer.noaa.gov/facts/sargassum.html

Sargassum: The What, Where, and Why of this Seaweed