1500 euro a testa, per due settimane, tutto compreso: questo é quello che ci era costato il nostro primo viaggio a Mauritius. Dieci anni dopo siamo tornati, e abbiamo fatto un po’ di confronti.


Come anche come per il viaggio del dicembre 2006, tutto è stato organizzato interamente da noi in fai da te, abbiamo viaggiato circa nello stesso periodo dell’anno, utilizzato un volo di linea con scalo ed alloggiato in una casa vicino alla spiaggia presa in affitto. I confronti quindi sono fattibili, vediamo quindi quanto abbiamo speso nel nostro viaggio più recente (novembre 2016) e per che cosa.

Il volo.

Nel 2006 avevamo volato AirFrance, da Bologna via Parigi (1 volo di 2 ore + 1 volo di circa 12 ore) e speso 750 euro a testa, periodo del viaggio: 14-29 dicembre 2006.

A380 emirates mauritius

In volo sull’A380 della Emirates verso Mauritius

Quest’anno, invece, il periodo del nostro viaggio è stato: 24 novembre-10 dicembre, quindi non molto dissimile come stagionalità, considerato che partire a metà dicembre è bassa stagione e che invece il ponte dell’8 dicembre era alta stagione. Abbiamo volato Emirates, sfruttando il nuovo hub della compagnia emiratina a Bologna, e facendo uno scalo a Dubai (1 volo di 6 ore + 1 volo di circa 6 ore e mezza). Sulla tratta Dubai-Mauritius il velivolo era l’ottimo A380, veramente comodo e spazioso, anche in economy class.

Ebbene, il costo del volo con Emirates – prenotato ad agosto per volare, appunto a fine novembre – è stato addirittura inferiore a quello di 10 anni fa: 730 euro a testa.

Decisamente un ottimo prezzo, per una destinazione come Mauritius (ed un’ottima compagnia aerea come Emirates).

L’alloggio.

Personalmente in viaggio opto sempre per case ed appartamenti, ma in una destinazione come Mauritius questa diventa anche un po’ una scelta quasi obbligata, visto il costo dei soggiorni in albergo.

RESORT

Prima di partire guardavo per curiosità i prezzi di un hotel di fascia alta come il La Pirogue di Flic en Flac, che nel periodo di altissima stagione aveva prezzi intorno ai 1200 euro a notte per la camera standard (solo colazione).. prezzi che in bassa stagione, come ad esempio la settimana precedente il Natale, potevano scendere sino a 1200 euro alla settimana, invece che al giorno.

Riuscire a trovare una settimana in cui uno di questo resort applica delle tariffe particolarmente convenienti, potrebbe essere un’ottima idea per risparmiare e farsi coccolare dal lusso di queste strutture (ammesso che a uno interessi il lusso, a me comunque no), però bisogna poi considerare due cose: il costo dei pasti, che se consumati in hotel fanno di nuovo lievitare enormemente il costo della vacanza, ed il fatto di poter eventualmente aggiungere – o meno – una seconda settimana di soggiorno allo stesso prezzo.

APPARTAMENTO/CASA/VILLA.

Noi abbiamo puntato dritto verso siti come Airbnb e Homeaway, sempre i soliti a cui mi affido. Stavolta però, non riuscivo a trovare quello che m’interessava su nessuno dei due. Mi ero fissata, infatti, con una zona particolare in cui desideravo soggiornare (quella di Blue Bay e Pointe d’Esny) e non riuscivo a trovare quello che volevo.

Ho iniziato quindi a consultare e anche altri siti, come Holidaylettings di Tripadvisor, ed agenzie private che affittano ville e case, come Oazure. Quest’ultima mi aveva proposto delle soluzioni veramente belle a partire da 1000 euro la settimana, per una villa sulla spiaggia con 2-3 camere da letto. Pensandoci bene tariffe nemmeno esose, ma noi eravamo solo in due, 3 camere non ci servivano, e comunque volevo spendere un po’ meno.

Casa sulla spiaggia affitto Mauritius

Casa sulla spiaggia a Palmar, un ottimo soggiorno

Infine, ci siamo decisi a guardare anche altre zone dell’isola, ma sempre sulla costa Est, e siamo approdati a questa casa sulla spiaggia (anche lei con 4 camere eh.. 🙂 in cui poi abbiamo prenotato al prezzo di 1230 euro per tutte e due le settimane. Il soggiorno e la scelta della zona (Palmar, Belle Mare) si sono rivelati azzeccatissimi, ci tornerei sicuramente.

Cosa comprendeva il soggiorno: affitto in solo pernottamento per 15 notti, tutte le utenze, ed inoltre erano comprese le pulizie giornaliere (anche in appartamenti a case private a Mauritius questo servizio è solitamente compreso nel prezzo).

Auto a noleggio / trasporti a Mauritius.

Per spostarsi sull’isola io consiglierei sicuramente la macchina a noleggio, ma ci sono anche altre possibilità. I taxi sono presenti ovunque, ed hanno costi abbordabili, intorno ai 50 euro per escursioni giornaliere e 37 euro invece è il costo dello spostamento da/per l’aeroporto (a tratta) per un tragitto di circa un’ora. Esistono anche linee di autobus sull’isola, che sono sicuramente la soluzione più economica, per conoscere le linee consultare il sito del turismo di Mauritius alla sezione trasporti >>

Pro/contro auto a noleggio: si guida all’inglese, quindi questo può costituire un fattore di stress ulteriore, se già non avete voglia di guidare. Le strade non sono molto larghe (fatta eccezione per l’autostrada che porta dall’aeroporto alla capitale Port Louis). La segnaletica e le condizioni delle strade comunque sono molto migliorate rispetto a 10 anni fa, noi non abbiamo incontrato difficoltà.

Il nostro noleggio è stato con Hertz alla tariffa di euro 434 per 14 giorni, per una macchina tipo Suzuki Alto, prenotato su Autoeurope, il comparatore di tariffe. Abbiamo ritirato l’auto presso il desk dell’hotel Palmar beach resort, e riconsegnata all’aeroporto.

Noleggiando con un operatore locale avremmo speso un po’ meno, circa 25 euro al giorno. Questa tariffa ce l’ha proposta la nostra padrona di casa, che si era offerta di trovare un’auto per noi, ma non avendo ben capito che garanzie offriva questo tipo di noleggio, se le stesse che con un noleggiatore internazionale o no (assicurazioni etc), abbiamo preferito rinunciare.

Costo del carburante (benzina verde): circa 1 euro al litro.

Mangiare.

Si fa presto a dire: se mangiate nei ristorantini, take-away, chioschi sulla spiaggia, mangerete bene e spenderete poco, molto poco. Tutto il resto sono cifre troppo alte, almeno per me.

Facciamo qualche esempio di posti in cui abbiamo mangiato noi.

Take-away: ci siamo riforniti in uno carino a Belle Mare, in cui con meno di 10 euro (400 rupie mauriziane) ci siamo portati a casa da mangiare per due un menu composto da riso fritto e pollo briani. In un altro, sulla spiaggia, di Mon Choisy, per la stessa cifra ci hanno preparato due panini buonissimi con pollo e verdure, e ci siamo portati via anche tre bibite.

Pranzo mauritius

Pranzo in spiaggia a Belle Mare

Ristorantini/bar sulla spiaggia: i prezzi variano dalle 500 alle 1500 rupie, sempre per due persone, corrispondenti ai nostri 13-40 euro circa, dipende da quello che si mangia, e da quanto è curato il locale. I meno costosi in assoluto sono gli ambulanti che magari offrono anche un paio di tavolini con sedie. La qualità del cibo, credetemi, è molto buona, no mal di pancia, e loro ve la prepareranno sempre con molta cura, come sono soliti fare in tutte le circostanze, in tutto quello che fanno i mauriziani mettono sempre molta cura, questa è una cosa che ho apprezzato moltissimo.

Ristoranti che non siano in spiaggia: provate Chez Tino, a Trou d’Eau Douce, ha una bella terrazza all’aperto con vista sull’Isola dei Cervi. Ci siamo andati per il compleanno di Filippo, menu: 1 porzione piccola di aragosta, un altro piatto di pesce per me, 1 antipasto, 1 dolce, liquore e bevande acqua e vino, abbiamo speso 55 euro in due.

Supermarket/Mercati/negozi:

CENTRI COMMERCIALI: A Mauritius ci sono tre grandi centri commerciali con supermercato, della catena Super U: a Grand Baie, a Flacq (quindi a circa 20 minuti di auto da dove soggiornavamo noi) e a Belle Rose. Per fare la spesa qui si spende in media circa come in Italia, alcuni prodotti hanno prezzi più bassi, altri molto più alti. Si trova veramente di tutto.

Shopping mauritius

Negozi a Flacq Mauritius

Dentro al centro commerciale si trovano anche i negozi, principalmente di abbigliamento, ma per questo tipo di acquisti conviene recarsi al mercato locale.
MERCATI: a parte il famoso mercato cinese di Port Louis, molto turistico, ci sono altri mercati da visitare nelle cittadine, come apputno quello di Flacq (che si svolge ogni mercoledi e domenica) ed invece di turistico non hanno proprio niente e sono perciò molto più interessanti. Qui si trovano principalmente abiti di foggia indiana ed occidentale, cibo e spezie, oggettistica varia e qualche articolo per la spiaggia. Anche se non avete intenzione di comprarvi un sari o una stoffa, è bellissimo circolare per queste bancarelle variopinte ed osservare usi e costumi così diversi. Filippo si è comprato un paio di occhiali da sole (ovviamente, si parte per un’isola tropicale lasciando gli occhiali da sole a casa!!) al prezzo di 3 euro, mentre invece in un negozio del centro commerciale ne volevano 25, e la qualità non ci era sembrata molto diversa.

ALTRI NEGOZI/Supermercati piccoli. I supermercati piccoli sono in generale più costosi rispetto a quelli del centro commerciale. I negozi ce ne sono di tutti i tipi, la maggior parte sono di chincaglieria e oggetti i più disparati, oltre all’abbigliamento e al cibo.

Snack in spiaggia: 2 coni gelato 1 gusto dall’ambulante con il carillon: 125 rupie.

Ananas fresco allo stecco: 200 rupie, il primo giorno, 100 rupie l’ultimo giorno, quando ormai vi siete fatto amico il venditore! Un po’ troppo caro, ma irresistibile!

Attrazioni / escursioni.

Alcuni esempi dei prezzi di ingresso (quelle che abbiamo visto noi):

Maison Eureka: 300 rupie per adulto (se mangiate al ristorante la visita é gratuita).

Giardino botanico Pampelmousse: 200 rupie per adulto + 50 rupie la visita guidata (+ mancia non obbligatoria ma ve la chiedono).

Lago sacro Gran Bassin, templi e luoghi di culto in generale: gratuito.

Chamarel: 225 rupie per adulto, comprende visita alle cascate e Terre dai 7 colori, si può entrare con la propria auto

Accesso alle spiagge: gratuito, tutte le spiagge a Mauritius sono pubbliche, e dispongono di servizi igienici e docce gratuiti (alcuni in buono stato, altri un po’ meno).

Barca (solo passaggio) per l’Isola dei Cervi da Trou d’Eau Douce: 400-450 rupie a testa.

Totale.

Dettaglio spese:

Il totale si aggira intorno ai 2000 euro a testa, per 16 giorni di viaggio, comprese due notti di scalo a Dubai.

Sono molti? Sono pochi? Sicuramente abbiamo speso di più rispetto al 2006, e se costo di volo+soggiorno più o meno si equivalgono rispetto a 10 anni fa, la differenza é data dal fatto che questa volta abbiamo girato molto l’isola, mangiato fuori, visitato attrazioni. Nel 2006 invece avevamo fatto una vacanza più stanziale.

E voi siete mai stati a Mauritius in fai da te? Quanto avete speso? Come vi siete organizzati? Fatemi sapere!

Leggi anche il diario del viaggio completo pubblicato sulla Bacheca di Mafalda >>

Guarda tutte le foto su Flickr >>